Prepararsi all’inatteso: una sfida alla sicurezza sul lavoro

rischio inatteso, rischi per la sicurezza, qualcosa di imprevisto, Al lavoro, abitudini relative alla sicurezza, comportamento sicuro, consapevolezza della sicurezza, dispositivo di protezione individuale, DPI, minimizzare i rischi inattesi per la sicurezza, contenere i rischi imprevisti, eventi imprevisti, cultura positiva per la sicurezza, persone in movimento, rischi di distrazione, storie di SafeStart, testimonianze.

Più facciamo una cosa, più diventiamo bravi a farla e nonostante ciò, le misure di prevenzione e protezione vanno sempre seguite in quanto sono proprio azioni ripetitive come queste che portano all’eccesso di fiducia e diminuiscono la nostra consapevolezza del rischio. Pensiamo: “Ha sempre funzionato così bene” – ed è allora che viene meno la nostra attenzione. Non è possibile prevedere quanto pericolosa possa essere una situazione. In questo articolo ti mostreremo quello che tu ed i tuoi lavoratori dovreste sapere sui rischi inattesi per la sicurezza.

Siamo soliti non aspettarci che accada qualcosa di imprevisto

Solitamente incidenti e infortuni sul lavoro avvengono inaspettatamente. Ma come mai si verificano? Uno sguardo alla seconda puntata della nostra serie sui “Cambiamenti di Paradigma nella sicurezza sul lavoro”, ci permette di capire la dinamica degli infortuni inattesi. Le fonti di eventi imprevisti che provocano incidenti e infortuni sono tre:

  • Malfunzionamenti di macchinari, utensili, ecc.
  • Un errore critico provocato da terzi.
  • Un errore critico commesso da noi stessi (questa è la causa di circa 95-98% degli incidenti).

Le cause specifiche di incidenti e infortuni sono raramente prevedibili. Tuttavia, un semplice schema comportamentale nella relazione di condizione-errore può essere identificato quale causa più comune di un incidente. Di fatto, tendiamo a commettere determinati errori. Ripetutamente.

Perché essere impreparati è così frequente

Lo schema condizione-errore è ormai tanto evidente quanto diffuso e si verifica in tutti i settori. Lo confermano le testimonianze delle persone che partecipano ai nostri corsi di formazione e workshop. Quando parliamo di errori non intenzionali, è proprio l’essere “colti impreparati” che viene ripetutamente riferito mentre i partecipanti raccontano le loro esperienze (ad esempio, incidenti e mancati infortuni). Analizzando ogni singolo evento e scambiando queste informazioni tra di loro, i partecipanti imparano a riconoscere meglio i rischi da loro stessi provocati e a comportarsi in modo preventivo.

Una persona in movimento deve impegnare tutta la propria attenzione

Soprattutto quando ci muoviamo, tutta la nostra attenzione va impegnata su ciò che stiamo facendo. Quante volte ci siamo girati per salutare qualcuno mentre ci stavamo già muovendo nella direzione opposta? In questa situazione quotidiana, una prolunga per terra, una finestra obliqua o una porta semiaperta possono fare brutti scherzi.

Telefono cellulare, flip phone, mano, guida, evitare distrazioni alla guida, generazione di smartphone, guida durante il lavoro, abitudini di sicurezza, comportamento sicuro, consapevolezza della sicurezza, dispositivi di protezione individuale, DPI, ridurre rischi di sicurezza inaspettati, contenere rischi imprevisti, eventi imprevisti, cultura della sicurezza positiva , People on the Move, minacce di diversione, storie di SafeStart, testimonianze
La nostra guida “Driving Distraction Away” indica le tecniche e le competenze che i guidatori responsabili e i loro collaboratori hanno bisogno da tempo. Seguite il seguente link per leggere la guida!

E questo è ancora più vero nell’era degli smartphone. Qualcuno che tiene guarda lo schermo del cellulare invece di guardare dove sta andando, mette se stesso e gli altri a rischio. Lesioni gravi e perfino la morte possono esserne il risultato. Secondo uno studio britannico, il numero di pedoni che muoiono nel traffico a causa della distrazione provocata dallo smartphone aumenta del 3% ogni anno. Per le altre città europee non ci sono ancora studi attendibili, poiché la polizia di solito non produce statistiche in questo senso. Ad ogni modo, un sondaggio realizzato da DEKRA a Stoccarda, in Germania, ha dimostrato che l’utilizzo dello smartphone mentre si cammina è in continuo aumento (ulteriori informazioni su DEKRA Road Safety).

Il nesso tra rischi inattesi per la sicurezza, consapevolezza ed energia cinetica riguarda i pericoli esistenti sia nel luogo di lavoro che nella vita di tutti i giorni.

Evitare le distrazioni attraverso un comportamento sicuro nella vita quotidiana

Le cause delle distrazioni sono diverse. Siamo particolarmente inclini a distrarci quando siamo stanchi, frustrati, di fretta o troppo confidenti. In questi momenti, aumenta il rischio di non riuscire a rispondere adeguatamente alle situazioni inattese, semplicemente perché non siamo completamente concentrati sull’attività che stiamo eseguendo e non teniamo né mente e né occhi sul compito.

Sii sempre completamente consapevole di ciò che stai facendo. Soprattutto se sei tentato di guardare il telefono mentre percorri i corridoi tra gli scaffali del supermercato a ridosso dell’orario di chiusura per cercare l’ingrediente dimenticato per cena e non ti accorgi della presenza della segnaletica di sicurezza indicante la presenza del pavimento bagnato. Stai attento e aspettati l’inatteso!

(Immagine: © Konstiantyn Zapylaie | stock.adobe.com)