Perché le fonti evidenti di infortuni non sono le più pericolose?

Valutazione dei rischi, Le attività più pericolose, Al lavoro, i lavori più pericolosi, le professioni più pericolose, i lavori più pericolosi, gestire i pericoli, la gestione negligente delle sostanze pericolose, evitare i pericoli, le professioni meno salutari, i rischi per la salute sul lavoro, migliorare la consapevolezza della sicurezza, realizzare valutazioni dei rischi, valutare correttamente i rischi, valutazione corretta dei rischi, valutazione dei rischi, matrice del rischio personale, fonti evidenti di infortuni, fonti nascoste di infortuni, SafeStart, SafeStart International, abitudini in tema di sicurezza, sicurezza sul posto di lavoro, sicurezza sul lavoro, migliorare la cultura della sicurezza, incentivare la consapevolezza della sicurezza, ridurre gli errori umani, ridurre gli infortuni, riduzione degli infortuni, ridurre i tassi di incidenti, migliorare le cifre aziendali, prevenire gli errori critici, implementare un cambiamento positivo della cultura nella vostra azienda, promuovere l'impegno dei collaboratori, incentivare l’impegno dei collaboratori, sicurezza 24 h su 24/7 giorni su 7, sicurezza 24 ore su 24, essere sicuri 24 ore su 24/ 7 giorni su 7, modelli comportamentali sicuri, apprendere i comportamenti sicuri, acquisire competenze universali in materia di sicurezza, competenze in materia di sicurezza per le famiglie, competenze in materia di sicurezza per i bambini, competenze in materia di sicurezza per tutti, formazione sulla sicurezza per i collaboratori, sicurezza per l’intera azienda, formazione sulla sicurezza per i bambini, migliorare l’efficienza operativa, migliorare la qualità, abitudini correlate alla sicurezza, comportamento correlato alla sicurezza, modelli di rischio, garantire prestazioni elevate, stati critici, decisioni critiche, errori critici, come avvengono gli infortuni, come prevenire gli infortuni, come prevenire gli incidenti

Quali sono le professioni più pericolose? Se subito ti sono venute in mente demolizione, pulizia di finestre o simili attività, questo articolo potrà sorprenderti. Dal punto di vista della valutazione oggettiva del rischio, le attività più pericolose non sono quelle a cui istintivamente tendiamo a pensare. Scopri in questa pubblicazione se la tua attuale valutazione del rischio personale coincide con dei criteri oggettivi.

Valutare i rischi in maniera realistica?

Il modo in cui la valutazione del rischio percepito e l’effettivo potenziale di rischio divergono possono essere dimostrati da un semplice esercizio. Rispondi alle tre domande che seguono, una alla volta:

  1. Qual è la cosa più pericolosa che tu abbia mai fatto?
  2. Qual è stata la lesione più grave mai subita?
  3. L’infortunio più brutto è accaduto mentre svolgevi l’attività più pericolosa?

Con ogni probabilità, la risposta alla terza domanda è un chiaro “no”. Secondo la nostra esperienza, raramente la lesione più grave mai subita è il risultato dell’attività più pericolosa mai realizzata. Per quanto audaci, ma persone come noi, anche i paracadutisti possono rompersi una gamba quando scivolano nel bagno. Rischi evidenti e rischi intenzionali, quindi, non sono i responsabili delle lesioni più gravi o gravissime.

Rischi evidenti: le professioni nella zona pericolosa.

Personale che lavora ad alta quota su struttura in acciaio
Questo PDF contiene tutto ciò di cui voi e il vostro team avete bisogno per evitare incidenti in quota – sia nel luogo di lavoro sia a casa:
>>Clicca qui per scaricare la guida<<
(Immagine: © Phoompiphat | stock.adobe.com)

Questa osservazione si applica non solo al settore privato, ma anche a diverse professioni. La percezione del rischio personale può variare in modo significativo, come dimostrato dalle interessanti studi. Dal punto di vista assicurativo, ad esempio, chi allestisce ponteggi, o addetti alla costruzione e riparazione di tetti, piloti e pescatori di acque profonde sono in generale tra le professioni più pericolose. In questi casi i pericoli sono palesi, poiché chiunque svolga queste attività si muove costantemente “sulla linea del fuoco”. Eseguono lavori a grandi altezza o sono esposti alle forze della natura. Gli incidenti potrebbero non essere necessariamente più frequenti rispetto ad altre attività. Tuttavia, quando qualcosa succede, è molto probabile che il risultato sia grave o addirittura fatale.

Se un pescatore di acque profonde, un allestitore di ponteggi o un artista circense sta facendo il suo lavoro, questo fatto di per sé implica già un rischio e di partenza lo si percepisce come tale. Ciò fa sì che questi aumentino la loro attenzione e concentrazione poiché ogni errore può essere fatale.

Attività apparentemente inoffensive si trasformano in rischi a causa della trascuratezza

Chi avrebbe mai ritenuto come rischioso per la salute o per la sicurezza il lavoro d’ufficio, in laboratorio o negli studi dentistici? Eppure, in attività apparentemente inoffensive esistono rischi notevoli per la salute, come negli ambulatori veterinari per piccoli animali oppure nella medicina dentale, anestesiologia o podologia.

Il motivo è la manipolazione di sostanze pericolose. Ancora una volta, uno stato emotivo o fisico come stanchezza, frustrazione, fretta o eccesso di fiducia può provocare un errore critico le cui conseguenze possono durare a lungo. Spesso, tali conseguenze, diventano evidenti solo in una prospettiva di medio o lungo termine e non sempre hanno ripercussioni drastiche come fatalità o paralisi. Per questo motivo si stima che per queste categorie professionali il rischio sia ridotto, invece, anche in questi casi l’attenzione diminuisce con la conseguenza che gli incidenti o mancati infortuni si verificano in misura superiore rispetto ai casi tradizionalmente considerati più pericolosi.

Evitare con efficacia le lesioni

In conclusione, si tratta di evitare gli errori critici che causano gli incidenti: l’obiettivo della formazione sulla sicurezza è far sì che le persone riconoscano in tempo reale se si trovano o meno in uno stato di fretta, stanchezza o frustrazione e, da quel momento, prendere le opportune decisioni, evitando incidenti e infortuni sul lavoro. Ed è proprio questo il punto in cui inizia il programma di sicurezza SafeStart. Tra le altre cose, i tuoi dipendenti impareranno come possono aiutare a ridurre in maniera sostenibile in numero di infortuni nella tua azienda. Per ulteriori informazioni, consultare Implementazione di SafeStart ed i nostri opuscoli.

 

(Immagine: © Kadmy | stock.adobe.com)